lunedì 30 aprile 2018

when they say "it was kismet"...

     This morning my mail-lady rang the doorbell and presented me with a large yellow envelope. "Signature, please" - I signed trying to see the return address on the package because I really wasn't expecting anything... but when I saw the name "Valentina", I immediately knew what was in the envelope! My copy of Tibetan Euphony, Valentina Cosciani's latest collection of knitwear patterns. But, as always, Valentina is full of surprises... she had also sent me copies of Karten and Scontrosa Grazia.




If you asked me exactly when I met Valentina Cosciani online, I would be hardput to answer. But, I can tell you when I first met her in person!
Back in early 2015, I was planning a knitting week-end in Lucca and I had invited Valentina to hold a workshop on one of her many hand-knitted designs during the event. Since we had never met in person, when I heard she would be in Florence for a workshop, I decided to take the train and finally go to meet her! We both immediately felt the same sense of connection that we had in our online friendship. This was to be the beginning of my collaboration with Valentina. It started with an occasional revision of one of Valentina's patterns already translated into English. As time went on, Valentina started asking me to translate the descriptions of her designs into English. She was already quite adept at writing the technical parts directly in English, so between the two of us we started translating all of her patterns into English. 

But it didn't end there! 

When I organized another knitting week-end, this time on the Island of Elba, I asked Valentina if she would design a shawl inspired by the vegetation on the island as the main project for our knitters during our Elban week-end. Naturally, I invited her to come to the week-end and present the project! She immediately accepted the challenge and the invitation and the "Ginepro" shawl was born. 

But... the best was yet to come!

Unbeknownst to me, 2015 was also the year that Valentina would ask me to translate the descriptions for her first collection of accessories inspired during a vacation in Austria and Germany.  She called this collection Karten - German for postcards; each design is a "postcard" from one of the cities she visited. Karten was to be the first of several books in which I would be Valentina's English voice. 

Since then, I have had the pleasure and honor of working with Valentina on several projects. In 2016 she asked for my input on a collection of 4 striped tops for BC Garn. 2017 was the year for Scontrosa Grazia, a collection dedicated to Valentina's hometown of Trieste. 
Later that same year, Valentina asked me if I would be interested in doing the translations for a collection of sweaters and accessories that she was working on for MYak Tibetan Fibers. Of course, I said yes... wouldn't you?! 
Tibetan Euphony made it's debute in January 2018. It is a collection of sweaters, shrugs and accessories dedicated to today's woman - whover she is, whatever she does, wherever she lives. Beautiful, luxurious pieces knit in yarns from the MYak collection and designed to warm both body and spirit.

With each collection, Valentina has taken her art one step further. In the 3 years that we have worked together she has developed her own personal style of designing. Her garments are elegant, yet casual enough for everday. 

Color and texture are very important elements in her garments: she chooses and coordinates the colors and textures for each sweater or accessory, following the dictates of her innate artistic flair. She tends to opt for soft, luxurious fibers for cowls, shawls and shrugs that caress the neck and shoulders. Yet she does not shy away from rustic shetlands and tweeds to add character to her Fair Isle yoked sweaters and cabled jackets. The same is true of the colors she chooses: delicate and tenuous for lacy capes and shawls, sharp contrasts for hats, mittens and sweaters. 

But what I appreciate most about Valentina's work is her ability to make designs to suit every woman: young or mature, tall or short, slender or full figured. Her sizes are developed for "real" women and each garment is proposed in a wide gamma of sizes with the possibility of making adjustments based on the knitter's personal preference in fit. All of Valentina's designs are painstakingly tested by a team of loyal test knitters and Valentina listens to the suggestions from her testers and incorporates them into her patterns. She is a perfectionist and it is evident in her work.

I look forward to more knitting adventures with Valentina! 

Valentina and Donna... it was kismet!

https://tibisay-artherapy.blogspot.it

venerdì 27 aprile 2018

II RADUNO NAZIONALE DEL GRUPPO FB °ELIZABETH ZIMMERMANN ALL'ITALIANA"

Si avvicina la data del secondo raduno nazionale del gruppo facebook italiano dedicato a Elizabeth Zimmermann, il suo lavoro e la sua influenza sulla maglia.



Quest'anno i membri del gruppo si incontreranno dall'8 al 10 giugno a Asiago all'Hotel Croce Bianca in Corso 4 novembre, il centro della vita sociale Asiaghese. Il raduno 2018 si aprirà con uno sguardo alla vita di Elizabeth Zimmermann a cura di Alice Twain e continuerà con laboratori e altre attività.

La novità di quest'anno sarà la mini mostramercato di filati durante i tre giorni del raduno. Oltre a 4 tintori indi, avremo con noi Borgo de' Pazzi che porterà le novità estate 2018 e anche la loro collezione Amore, una linea di filati riciclati https://www.effeelle.it/amore-e-la-nostra-lana-riciclata/ oltre ad un assaggio dei nuovi filati invernali.

Siamo anche felice di avere come ospite Cristina Ferrarini e Isabella Bortoli, rappresentanti dell'Associazione per la promozione e tutela della Pecora Brogna Isabella ha un allevamento di oltre 200 capi di pecore Brogna proprio a Asiago nella zona Kaberlaba. Nei giorni del raduno, dietro appuntamento, sarà possibile anche visitare Isabella e le sue pecorelle!
Cristina ha un piccolo allevamento di pecore Brogna (circa 20 capi) e uno di Alpaca (circa 15 capi) nel Lessina (provincia di Verona).

I numeri del raduno:

Avremo 6 espositori alla nostra mini mostramercato:

- Borgo de' Pazzi  https://www.borgodepazzi.com/ingrosso-lana-online/raduno-elizabeth-zimmermann-allitaliana-8-10-giugno-2018 sarà presente con il suo campionario di filati. In particolare porterà le novità estate 2018 e un assaggio di quello che possiamo aspettare per l'inverno 2018/2019. Ogni partecipante riceverà da Borgo de' Pazzi un omaggio lanoso

- L'Associazione per la promozione e tutela della pecora brogna rappresentata da Cristina Ferrarini e Isabella Bortoli

- Cristina Ferrarini, titolare dell'Azienda Agrigola "Lana al Pascolo" che esporrà i suoi filati di lana brogna e di alpaca sia "au naturale" sia tinti a mano con colori naturali

- LiveOrDye di Lorena Prina
https://www.etsy.com/it/shop/LiveOrDyeYarn

- Officina del colore natural di Valentina Ferrarini
http://www.officinadelcolorenaturale.it/valentina-ferrarini/

- Rosso di Robbia - Colori naturali di Michela Pasini
http://www.officinadelcolorenaturale.it/valentina-ferrarini/

Ci  saranno 4 laboratori su 4 progetti in punto legaccio disegnati da EZ:

- Long Collar Coat - Knit One Knit All (Donna)
- Ambidextrous mittens - Knit One Knit All (Alice Twain)
- Ribwarmer - Knitting Workshop (Donna)
- The 2 piece Baby Jacket - Knit One Knit All (Alice Twain)

Saremo in più di 45 partecipanti, ma siete ancora in tempo se volete partecipare!

Per tutte le informazioni, orari, descrizioni corsi cliccate qui https://m.facebook.com/events/576797692671155?view=permalink&id=584254468592144





giovedì 27 aprile 2017

Studio monografico sulla Tomten Jacket dal 1940 ad oggi, v. 13.02.2017

Ripubblico qui una mia nota su Facebook.

Dopo aver fatto l'Elizabeth Zimmermann Coat spp#51 Schoolhouse Press, ho deciso di aggiornare il mio studio monografico (2013) sulla Tomten... l'ispirazione dietro questo bellissimo cappotto.

Elizabeth Zimmermann ha creato il primo e originale Tomten Jacket intorno al 1940 per il suo figlioletto, Thomas (primo figlio). E’ un cardigan lavorato in legaccio, il punto preferito di Elizabeth Zimmermann per la sua “perfezione” numerica – 2 ferri di punto legaccio formano una “ridge” (costa) che corrisponde esattamente ad una maglia in legaccio, permettendo la creazione di angoli a 90° e tanti altri accorgimenti. 
Quando la Zimmermann dà le istruzioni per un capo lavorato in punto legaccio, usa “r” per riferire a “row” (ferro) e “R” per riferire a “ridge” (costa).

La Tomten è apparsa come modello per la prima volta nell’autunno del 1961 come un “Tyrolese Garter Stitch Jacket” nel Newsletter and Leaflet #7 – Fall 1961. Elizabeth descrive la sua creazione usando la parola “modular” perché la circonferenza della giacca è la chiave della sua costruzione. Ella ci spiega che il numero di maglie necessarie per la circonferenza è diviso per 4 o per 8 per determinare la forma della giacca e questi numeri divisori si ripetono. 
Tuttavia, prima di arrivare alla Tomten Jacket come la conosciamo oggi, Elizabeth continuerà a perfezionare il modello.

Nel 1971 la “Tyrolese Garter Stitch Jacket” riappare nel primo libro di Elizabeth Zimmermann, Knitting without Tears, col nome Tomten Jacket per la prima volta; il nome è un adattamento della parola svedese “tomte”. Il “tomte” è un folletto natalizio, portatore di regali. Elizabeth spiega che quando indossa una Tomten, un bambino assomiglia stranamente a questo folletto birichino!

In Knitting without Tears, Elizabeth elabora l’idea della modularità di questo capo e afferma che il numero X (cioè il numero di maglie necessarie per la circonferenza della giacca) deve essere divisibile per 8. Aggiunge che per ingrandire o rimpicciolire la giacca bisogna aggiungere o sottrarre gruppi di 8 maglie, appunto perché la costruzione della giacca è modulare.
Inoltre, invece di dividere “X” per 4 o per 8 nella costruzione del capo, in Knitting without Tears, Elizabeth usa frazioni di “X” per formare i due davanti, lo scalfo per la maniche, la lunghezza della giacca, del cappuccio e delle maniche. Con la versione della Tomten di Knitting without Tears, Elizabeth comincia ad introdurre degli “accorgimenti” per sagomare meglio il capo: i ferri accorciati sul didietro; un bordo inferiore leggermente più stretto del corpo della giacca; l’opzione di un colletto al posto del cappuccio; una tasca “after-thought” (che letteralmente vuol dire “pensato dopo”) da inserire a giacca finita; una mezza cintura sul didietro con due bottoni; e l’opzione di allungare la giacca per fare un cappottino.

Nel 1981, la Tomten Jacket riappare nell’ormai famoso libro Elizabeth Zimmermann’s Knitting Workshop. Elizabeth dichiara: abbiamo perfezionato il modello per farlo MODULARE: tutte le operazioni nella costruzione di questa maglia sono frazioni del numero di maglie avviate (ndt il famoso numero “X”), che dovrebbe ottimamente essere divisibile per 8. Inoltre, parla di un “prototipo” lavorato su 112 maglie iniziali (X). Già nel 1961 aveva detto che la taglia della Tomten può essere variata in base alla grossezza del filato e al numero (misura) dei ferri usati.

Nel 1988 il modello per la Tomten è stato pubblicato nella rivista Vogue Knitting, n. Spring/Summer ’88, è lo stesso tra i modelli selezionati per il libro Vogue Knitting: American Collection pubblicato nel 2002. Esso è essenzialmente la versione della newsletter del 1961, ma lavorato su 96 maglie (X) con una tensione di 4 maglie/pollice.

Nel 2005, Meg Swansen – figlia di Elizabeth Zimmermann – ha pubblicato The Opinionated Knitter, una collezione di 35 modelli della Zimmermann come sono apparsi nelle sue Newsletter con l’aggiunta dei suoi commenti e annotazioni.
Per quanto riguarda la Tomten Jacket, Meg dice: non chiudo più le maglie degli scalfi, invece le trasferisco e le lascio in sospeso su un pezzo di filato. Poi, dopo aver ripreso le maglie intorno ai lati degli scalfi e dopo aver iniziato a lavorare la manica avanti e indietro, alla fine di ogni ferro lavoro l’ultima maglia della manica insieme ad una delle maglie in sospeso, fino ad usarle tutte. Poi, continuo a lavorare la manica come dalle istruzioni.

Nel 2013, Cully Swansen – figlio di Meg e nipote di Elizabeth – ha curato e pubblicato una nuova edizione di The Knitting Workshop. Tra le note dell’Editore troviamo: una spiegazione più approfondita della chiusura delle maglie degli scalfi lasciati in sospeso; una nota su come ottenere un polso più stretto; e un metodo per ottenere le misure corrette per il cappuccio.

Adesso, vorrei dare uno sguardo a 3 capi che sono i diretti discendenti della Tomten.

Nel 1970, EZ presenta l’Heavy Outdoor Jacket (Wool Gathering #3) anche conosciuto come la “Shawl Collared Jacket”. E’ una re-elaborazione della Tomten, questa volta in una versione per adulti e con l’aggiunto di un bellissimo collo sciallato lavorato con i ferri accorciati. Questo modello è stato ripubblicato nello Spun Out #12 nel 1984.

Tre anni dopo, nell’Wool Gathering #9 del 1973 Elizabeth Zimmermann ha presentato il Long-Collared Jacket. Nell'introduzione allo Spun Out #32 del 1989 (ripubblicazione di Wool Gathering #9) EZ ci dice: “This sweater is related to the tried and trusty Tomten Jacket and to my Shawl collared sweater in Spun Out #12, but there are differences. The armholes are not so wide … and the body is even longer, to conform to current styles. The collar is square…”
Traduzione: Questa giacca è imparentato con la ormai consolidate Tomten Jacket e con la mia Shawl collared sweater (v. Spun Out # 12), ma ci sono delle differenze. Gli scalfi per le maniche non meno larghe… e il corpo è ancora più lungo, in linea con la moda odierna. Il collo è quadrato…”. Nel 2012, il modello per questa bellissima giacca/cardigan è stata ripubblicata ancora nel libro Knit One Knit All.

L’ultimo “restyling” di questa giacca “evergreen” è l’Elizabeth Zimmermann Coat, SPP #51 - Schoohouse Press. Leggendo l’introduzione al modello, capiamo che questo è uno rivisitazione della giacca presentato nel 1970 come l’Heavy Outdoor Jacket prima e la Shawl Collared Jacket poi: “We re-discovered a coat Elizabeth Zimmermann had knitted in 1970. It featured an extraordinarily beautiful Queen Elizabeth styled collar knitted in (as opposed to knitted on) and Elizabeth's invented phoney seams.”
Traduzione: Abbiamo riscoperto un cappotto che Elizabeth Zimmermann ha fatto nel 1970. Caratteristici principali del cappotto sono un bellissimo collo stile Regina Elisabetta, lavorato direttamente durante la lavorazione del capo (e non aggiunto dopo) e le cuciture finte inventate da Elizabeth.
Cully Swansen ha rielaborato questo cappotto uscito nel 1970 per creare un cappotto attualissimo con una linea leggermente svasata. Meg, la figlia di EZ, lo ha lavorato in un filato spettacolare – il Rangeley 2ply.

Oggi la Tomten ha più di 70 anni ed è rimasta sempre al passo con i tempi!

Nota: Questo articolo è la proprietà intellettuale di Donna L. Mansi. Le traduzioni dall’inglese shanno il solo scopo di rendere più comprensibile il testo. Non possono essere né citate né pubblicate.

venerdì 1 luglio 2016

Cos'è il BOHUS STICKNING

Il periodo della maglia Bohus nella Svezia del XX secolo è stato glorioso ma – purtroppo – brevissimo.

Negli anni venti e trenta del secolo scorso il lavoro scarseggiava per gli scalpellini del Bohuslän; inoltre il tasso di disoccupazione era molto alto con una ricaduta negativa sui redditi delle famiglie. Nel 1937 le mogli degli scalpellini disoccupati del Bohuslän contattarono la Signora Emma Jacobsson – talentuosa consorte dell’allora governatore del Bohuslän - chiedendole se potesse intervenire in qualche modo per aiutare le loro famiglie. La Signora Jacobsson si rese subito disponibile: pensò che l’idea giusta fosse quella di individuare un lavoro artigianale che non richiedesse attrezzature specifiche e che fosse attuabile senza una particolare formazione tecnica dalla maggior parte delle donne della provincia. Si decise quindi di creare capi lavorati a mano con l’utilizzo dei ferri. La Bohus Stickning venne ufficialmente fondata il 12 settembre 1939 da Emma Jacobsson, che ne rimase leader, nonché forza trainante, per i trent’anni di vita della cooperativa. La Bohus Stickning distribuiva ai membri lana e modelli per fare muffole, calzini, cappelli e – in seguito – anche maglie, che le donne vendevano grazie ai loro contatti nella comunità.

Siccome nel Bohuslän non esisteva una tradizione locale relativa alla lavorazione a maglia, la cooperativa decise di arruolare artisti locali per produrre nuovi design. Durante gli anni ‘40 si distinse lo stile chiamato “Bohus Stickning”, caratterizzato da motivi multi-colore lavorati con filati leggeri in pura lana o costituiti da una miscela di angora e lana, realizzati con una combinazione distinta di maglie al dritto e a rovescio.

Oltre alla Jacobsson (vera e propria artista, laureata in Storia dell’Arte) la rosa dei designer del Bohus Stickning contava Vera Bjurström, Anna-Lisa Mannheimer Lunn, Annika Malströ-Bladini, Kertin Olson e Karin Ivarsson. Altri nomi di spicco erano Mona Reuterberg, Margareta Nordlund, Ulla Eson Bodin e Erna Gislev che partecipavano attivamente al lavoro artistico della cooperativa. Göta Trägårdh, nei panni di consulente di moda, aiutò a promuovere il profilo artistico della cooperativa. Il marchio “Bohus Stickning” è diventato sinonimo di alta moda svedese. Fra i clienti del “Bohus Stickning” c’erano anche nomi importanti: Helena RubinsteinJuliette GrécoIngrid BergmanEartha KittGrace Kelly, e Barbro Alving.

Durante la sua attività, la cooperativa Bohus Stickning è riuscita a dar vita ad una nuova arte, fortemente legata al territorio e alla sua comunità. Le maglie e gli accessori Bohus erano di una morbidezza unica e di una bellezza inimitabile. Meritatamente costosi e molto ricercati, ottennero una grande fama internazionale.

Potete cliccare qui per una carrellata di fotografie di maglia lavorato nello stile Bohus Stickning: https://it.pinterest.com/rsgracey/bohus-stickning/

 

lunedì 6 giugno 2016

Conosciamo meglio il Pi Shawl e suo cugino minore il 1/2 Pi Shawl

Che ci credete o meno, io non ho mai fatto un Pi Shawl!! Io e il pizzo non andiamo molto d'accordo! E allora visto che l'estate è quasi arrivato e si comincia a pensare alle ferie e cosa portar via sui ferri, ho deciso di mettermi alla prova ... e quindi ho aperto Knitter’s Almanac al mese di luglio (perfetto, visto che parto per le ferie proprio a luglio) e comincio a leggere

"Inizi a intravedere la ben conosciuta teoria geometrica che governa quello che stai facendo? … Stiamo parlando di Pi greco. La geometria del cerchio è imperniata sul rapporto misterioso tra la circonferenza di un cerchio e il suo raggio. Un cerchio raddoppierà la propria circonferenza all’infinito, oppure come direbbe chi lavora a maglia, la distanza tra i giri di aumenti, in cui si raddoppia il numero di maglie, è di 3, 6, 12, 24, 48, 96 giri e così via…”  p. 73

E’ così che EZ spiega la teoria dietro il suo Pi Shawl.

Ma forse un Pi Shawl sarebbe troppo come primo tentativo.. ma...potrei fare un 1/2 Pi Shawl. Credo che per fare un 1/2 Pi Shawl, non faccio altro che sostituire i giri in tondo con ferri avanti e indietro, applicando la stessa formula.

Quindi un 1/2 Pi Shawl, ma non uno qualsiasi! Voglio fare l'EZ 100th Anniversary Camping Half Pi Shawl  di Mwaa Knit, creato per il centesimo anniversario della nascita di Elizabeth Zimmermann.

Il tema del Camping shawl è tratto dalle meravigliose avventure in campeggio che EZ descrive nei suoi libri e "digressioni". Cito Mwaa Knit "... la mia preferita in assoluta è la storia di quando Elizabeth, "il Vecchio", e il gatto KLINE  sono andati in campeggio su una isola remota nel nord del Canada alla fine di Settembre 1971 (The Opinionated Knitter, pages 38-41)."

Mwaa Knit ha scelto i seguenti punti di pizzo per questo scialle:

Paw Prints (un adattamento di un punto nel libro The Haapsalu Shawl p. 131), per ricordare il gatto KLINE.
Slanting Twigs (p. 119), che rappresenta una passeggiata nella foresta con il sole che filtra attraverso le foglie degli alberi.
Willow Leaves (p.), per celebrare tutto quello che è verde e viva.
Waves and Droplets (nome data a Mwaa Knitting al bordo), ispirato da TiaJudy’s scalloped edging che rappresenta l'acqua di un fiume o fiume che lambisce la sabbia e le pietre.

Ci aggiorniamo a fine luglio...

DLG